#LOOM: grossa candela verde?

Guardando il grafico giornaliero dei #LOOM sembra esserci un pattern di 2/3 candele rosse seguite da una grande candela verde. Il pattern si ripeterà anche oggi?

Nell’immagine 1 possiamo vedere il grafico dei prezzi del #LOOM:

Immagine 1 – tradingview – 2018-05-12 – timeframe 1 giorno – LOOM candela verde.

Possiamo vedere come negli scorsi giorni, a seguito di alcune candele rosse, si è sempre formata una candela verde che recuperava tutte le perdite. Anche oggi questa candela verde sembra che si stia formando sul grafico dei prezzi giornaliero.

Essendo questa moneta quotata molto di recente su Binance, non abbiamo abbastanza dati per prendere in considerazione RSI o altro. Possiamo quindi limitarci solo a prendere suggerimento dall’andamento dei precedenti giorni.

Un possibile aiuto potrebbe arrivare dal contesto: il bitcoin è in discesa quindi gli investitori potrebbero riversarsi sulle altcoin.

Il suggerimento è quindi di fare attenzione e, se si decide di entrare, inserire gli opportuni stop loss.

Condividi su:

#BTC bearish: anche le #altcoin lo seguono

Il #Bitcoin è in caduta libera, scendendo a 8268.69 usd nel momento in cui stiamo scrivendo l’articolo, anche molte le #Altcoin che lo stanno seguendo.

Come si può vedere nell’immagine 1, il bitcoin ha tracciato un doppio top per poi reiniziara la fase di discesa:

Immagine 1: Tradingview – BTCUSD – 2018-05-12 – Timeframe 1 giorno – Doppio top

Guardano i prezzi nel lungo periodo sembrano muoversi all’interno di un triangolo, il doppio top attuale potrebbe quindi spingerci verso il fondo del triangolo ovvero intorno ai 6300 usd, per poi reiniziare a salire in una fase successiva.

L’andamento dei prezzi su suggerisce quindi di disinvestire perché le perdite potrebbero continuare: il pattern doppio top indica infatti una fase di discesa dei prezzi sostanziosa.

In questo momento anche molte altcoin sembrano seguire a nastro il bitcoin, come ad esempio #EOS che riporta una perdita nelle 24h del 6%, o l’#ONT dell’4.81%. Bisogna fare attenzione anche a quelle che attualmente sono in salita perché potrebbero anche queste essere influenzate dal #BTC.

Condividi su:

Schemi evolutivi di Elliott

In questo capitolo parleremo delle onde di Elliott e di come queste potrebbero aiutarci a capire l’andamento dei prezzi.

Le onde di Elliott sostengono il principio che il mercato è ciclico e si può suddividere in onde. Le due onde principali sono quella impulsiva, in cui sostanziale il prezzo aumenta, e l’onda correttiva detta ZigZag in cui il prezzo decresce. Ognuna di queste due onde possono essere poi a loro volta scomposte in onde più piccole.

Prendendo per esempio l’onda impulsiva e Numerando l’alternarsi di punti di massimo e minimo relativo le onde bullish, e segnando invece con delle lettere i punti di massimo e minimo relativo nell’onde Bearish, abbiamo le seguenti ondate:

ONDA 1: salgo fino ad 1 poi 2,3,4,5

ONDA 2: scendo fino ad a poi b,c (in downtrend)

ONDA 3: salgo fino ad 1 poi 2,3,4,5

ONDA 4: scendo fino ad a poi b,c (donntrand)

ONDA 5: salgo fino ad 1 poi 2,3,4,5

Immagine 1: raffigurazione delle onde di Elliot

Successivamente avremo l’onda correttiva che si disegna con lo stesso principio.

Quello che risulta poi difficile è riuscire ad individuare correttamente le onde sul grafico dei prezzi, posizionandosi anche sul corretto timeframe.

Qui di seguito un esempio di onda impulsiva 12345, ancora in formazione, sul grafico degli #ETH:

Immagine 2: tradingview – eth – esempio di onda 12345 ancora in formazione

Da questa teoria derivano anche alcuni pattern correttivi come si possono vedere in immagine 3:

Immagine 3: raffigurazione di pattern correttivi derivati dalle onde di Elliot

Alcuni di questi pattern gli abbiamo già visti in articoli precedenti ma senza scendere nei dettagli della teoria sottostante.

Riferimenti

  1. Immagini: immagine1 e immagine3 prese da google immagini
  2. Achille Fornasini, “Mercati finanziari: scelta e gestione di operazioni speculative – I metodi e i sistemi della moderna Analisi Tecnica a supporto delle decisioni operative”, 1th edizione del 1996, ETAS
Condividi su:

#BTC – 2018-05-07: bullish o bearish?

#BTC in salita o in discesa ?

Stamattina pubblichiamo un articolo lampo sul #Bitcoin, partendo dall’analisi tecnica dell’immagine 1:

Immagine 1tradingview – timeframe 1 giorno – btc/usd: triangolo di continuazione e hidden bullish divergence

Possiamo notare sia un triangolo di continuazione bullish sul grafico dei prezzi, mentre sull’RSI sembra esserci una Hidden Bullish divergence che è anche questo un segnale di continuazione bullish.

In definitiva il trend del BTC sembra essere ancora rialzista, conviene tuttavia trovarne conferma nei prezzi e fissare i dovuti stop loss.

Condividi su:

#ETH – onda di Elliott 12345: ritracciamento prima della risalita?

#Etherium in questi ultimi giorni ha generato un elevato gain, passando dai 283€ del 2018/03/28 ai 694€ di massima di ieri 2018/05/05. Oggi è rintracciato a 642€, potrebbe trattarsi di un onda di Elliott 12345 e quindi a breve potrebbe esserci una risalita ?

Partiamo subito dal proporvi nell’immagine 1 il grafico dei prezzi dell’#ETH, con timeframe giornaliero:

Immagine 1: Tradingview – 2018-05-06 – Timeframe 1 giorno – ETH possibile onda di Elliott 12345

Da un analisi grafica dei prezzi l’onda di Elliott 12345 sembra una ipotesi valida e ci suggerirebbe, nel breve periodo, un ulteriore aumento dei prezzi. Inoltre i prezzi sembra vero essere in un canale di tipo bullish. Anche gli elevati volumi generati in questo periodo sull’Etherium supporterebbero l questa ipotesi di ripresa.

Un ulteriore segnale positivo ci è fornito dal ‘ADX e DI raffigurato nell’immagine 2 su timeframe giornaliero:

Immagine 2: Tradingview – 2018-05-06 – ETH – Timeframe 1 giorno – ADX e DI

Possiamo vedere come l’adx sta quasi per superare la linea dei 25K, se questo avviene sottolineerebbe che non è solo una fase di lateralizzazione dei prezzi.

I segnali sono positivi, bisogna tuttavia fare attenzione e cercare sempre un riscontro nei prezzi. Sopratutto nell’attuale fase di ritracciamento è opportuno fissare gli adeguati stop loss o, in alternativa, uscire dal mercato in attesa di segnali di risalita e quindi di inizio della successiva onda.

Condividi su: